Salta al contenuto

Archivio delle circolari Archivio delle circolari

Indietro

Depositi telematici nelle esecuzioni civili - Guide

Circ. 54 del 27 ottobre 2014 - Depositi telematici nelle esecuzioni civili - Guide

Grazie al lavoro dei nostri addetti del Punto Informativo PCT, sono state pubblicate nel sito del Consiglio dell'Ordine, nell'area "Processo Civile Telematico" (precisamente, nella sottoarea "Guide PCT" in alto a destra), le guide per il deposito degli atti nelle esecuzioni immobiliari e mobiliari.

Come forse avrete potuto rilevare, il registro SIECIC – ovvero il registro telematico per le procedure esecutive e concorsuali – è decisamente più complesso di quello SICID, utilizzato nel contenzioso ordinario e nella volontaria giurisdizione. Ciò dipende sia dal fatto che il SIECIC è più datato ed è stato oggetto di minori interventi, sia dal fatto che all'epoca era stato pensato per un procedimento esecutivo privo di deleghe alla vendita da parte del giudice, e che quindi necessitava che il sistema fosse alimentato dal maggiore numero di dati possibile.

Attualmente presso Il Tribunale di Bologna l'orientamento della sezione competente per le esecuzioni immobiliari è quello di utilizzare l'istituto della delega alla vendita, così come disciplinata dall'art. 591 bis c.p.c., e quindi i dati richiesti, peraltro tutti facoltativi, non appaiono più necessari.

Abbiamo comunque previsto, per il deposito sia della relazione notarile che della nota di precisazione del credito, due distinte guide: seguendo la prima il difensore si limiterà a depositare il cd. atto principale, che nel caso della relazione notarile sarà semplicemente una nota di deposito (la relazione sarà un semplice allegato), mentre per la precisazione del credito il difensore dovrà, una volta salvato in formato pdf il file, importarlo come atto principale.

Nella seconda guida il difensore potrà riempire le maschere che via via si aprono seguendo le istruzioni, alimentando quindi il sistema di tutti i dati opzionali previsti. Ovviamente lasciamo a voi la scelta di quale modalità di deposito utilizzare, segnalando come la scelta di seguire un deposito "completo" potrebbe rivelarsi utile sia per la Cancelleria, sia per il giudice, sia infine per gli ausiliari, al fine di un esame veloce del fascicolo informatico, senza la necessità di visionare quello cartaceo.

Per l'atto di intervento abbiamo mantenuto, pur non essendo strettamente obbligatorio, l'opzione di indicare l'importo, la data di decorrenza e la natura del credito azionato. Qualora il credito fosse assistito da un privilegio, sarà necessario specificare la natura dello stesso.

Poiché l'elenco delle ragioni di privilegio che è stato inserito nel sistema potrebbe non essere completo, sarà possibile indicare una delle ipotesi previste (la più "simile"), essendo questa voce meramente indicativa e comunque utile esclusivamente al fine di conoscere la presenza o meno di privilegi.

Sottolineiamo, infine, la necessità di non procedere a depositi cumulativi; vale a dire che, come peraltro indicato nella guida redatta per il deposito dell'istanza di vendita, ogni evento dovrà essere oggetto di autonomo deposito utilizzando, se non espressamente previsto, l'atto generico.

Siamo in attesa della pubblicazione della legge di conversione del d.l. n. 132/2014: qualora trovasse conferma quanto disposto dall'art. 18 del d.l. in tema di iscrizione a ruolo dei procedimenti esecutivi, a fine anno (l'entrata in vigore è differita a 30 giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione) il deposito dell'atto di precetto con allegati il titolo e il verbale di pignoramento sarà a cura e onere del creditore procedente e, a partire dal 30 marzo 2015, potrà avvenire esclusivamente in via telematica.

Sarà nostra cura, in questa ipotesi, predisporre la guida anche per il deposito dell'atto di pignoramento, modificando quella attualmente prevista per il deposito dell'istanza di vendita.

Abbiamo comunque in animo di organizzare un incontro nella seconda metà del mese di novembre (successivamente alla pubblicazione della legge di conversione del d.l. n. 132/2014) per affrontare le questioni relative all'applicazione del processo telematico nell'ambito dei procedimenti esecutivi.


Filtro per anno Filtro per anno

Allegati Allegati

Link Link

Contatti Contatti

Segreteria:
  • Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Bologna
  • tel 051 582209 - fax 051 583702
  • segreteria@ordineavvocatibologna.net
  • consiglio@ordineavvocatibopec.it
  • P.zza dei Tribunali n. 4 - 40124 Bologna

    Giorni e orari di apertura: dal lunedì al sabato, dalle ore 8.30 alle 13

    Attenzione: fino a nuova comunicazione gli Uffici saranno aperti esclusivamente lunedì, mercoledì e venerdì dalle 08:30 alle 13:00, ferma restando l'indicazione di limitare gli accessi ai soli atti che necessitino della presenza. Rimane valida e raccomandata, in questo periodo, la modalità di invio dei documenti e degli atti in via telematica. (Circolare n. 181 del 2 luglio 2021)

    Attenzione: nel mese di Agosto gli orari di apertura rimarranno quelli di cui sopra, fatta eccezione per le chiusure al pubblico previste per venerdì 13 agosto e lunedì 16 agosto. (Circolare n. 201 del 2 agosto 2021)

    Chiusura: 4 ottobre per la festa del Patrono di Bologna San Petronio

     


Contatti Contatti